13 aziende tedesche che risparmiano di più utilizzando energia rinnovabile (e vengono premiate)

gbe_factory

Sono state premiate per aver investito su energie rinnovabili e sull’efficienza energetica: oggi vi raccontiamo le 13 le aziende sostenibili, o meglio “sulla via dell’impatto zero”, che hanno ritirato la certificazione GBE Factory lo scorso 29 aprile allo stabilimento BMW di Lipsia.

GBE Factory è il progetto europeo che spiega come creare profitto investendo nelle energie rinnovabili. Tra i suoi obiettivi, c’è quello di segnalare le best practices nel mondo dell’impresa certificando le imprese europee con obiettivo impatto zero.

Ecco come è andata la premiazione.

Le 13 imprese certificate: dall’automotive al restauro di libri

Ecco i nomi delle 13 aziende premiate a Lipsia:

  • Bad Saarow Kur GmbH
  • Best Western Premier Hotel Victoria
  • BMW-Werk Leipzig
  • Demeter Märkisches Landbrot GmbH
  • Ferrero OHG mbH
  • GEO – Gesellschaft fuer Emaillierung und Oberflaechentechnik mbH
  • Hans Oeding GmbH & Co. KG
  • Innovationszentrum für Mobilität und gesellschaftlichen Wandel (InnoZ) GmbH
  • J. Schmalz GmbH
  • Kösener Spielzeug Manufaktur GmbH
  • Schlesselmann GmbH
  • SMA Solar Technology AG
  • ZFB Zentrum für Bucherhaltung GmbH

“Quando uno si occupa di energie rinnovabili, di aziende sostenibili, non è sempre facile. Qualche volta abbiamo vento contrario su questa strada,” racconta Wolfgang Schmalz, amministratore delegato della J. Schmalz GmbH, “E’ sempre una buona cosa quindi ricevere un riconoscimento per quanto si sta facendo”. La J. Schmalz è un’azienda della Foresta Nera che produce più energia di quanta ne consuma.

Altre aziende sono invece più pragmatiche: utilizzare energia rinnovabile vuol dire risparmiare, come ci racconta Helmut Schache, fondatore e Amministratore delegato della ditta di giocattoli Kösener Spielzeug Manufaktur GmbH: “Non è solo per l’ecologia, ma è anche per risparmiare sui costi. Risparmiamo circa 30% sul nostro fabbisogno energetico e 60% sui costi di riscaldamento“.

Per ricevere la targa GBE-Factory, le 13 imprese certificate hanno installato nei propri edifici industriali e commerciali impianti di produzione di calore o di energia elettrica da fonti rinnovabili, per un minimo di 100 kW [scopri come richiedere anche tu la certificazione per la tua azienda].

Green-Blue-Energy Factory (in breve GBE Factory) indica infatti un’impresa che produce energia in maniera combinata da diverse fonti rinnovabili per i propri edifici industriali e commerciali.

L’energia così prodotta può essere utilizzata in processi di raffreddamento o riscaldamento, ma anche direttamente nei processi di produzione e nelle attività quotidiane dell’impresa.

Ecco cosa hanno detto alcune delle aziende premiate

Hanne Dinkel
Direttore produzione, logistica a controlling
Stabilimento BMW, Lipsia

Che cosa sta accadendo qui a Lipsia? Quello che vedete è una ripresa aerea relativamente nuova. Una cosa balza subito all’occhio: sono le nostre 4 pale eoliche. Difficilmente passano inosservate. Sono il simbolo di quello che in Germania chiamiamo Energiewende.

Noi vogliamo prendere parte all’Energiewende. Ci preoccupiamo di capire quali possibilità noi, come azienda, abbiamo per dare un contributo, lavorare veramente per l’efficienza energetica e dare un segnale. Un segnale visibile sono queste pale eoliche, un simbolo che si può vedere da lontano.

Wolfgang Schmalz
Amministratore delegato, J. Schmalz GmbH

Grazie davvero. Siamo molto contenti. Prendiamo questa certificazione come un riconoscimento della strada che stiamo percorrendo. Quando uno si occupa di energie rinnovabili, di aziende sostenibili, non è sempre facile. Qualche volta abbiamo vento contrario su questa strada. E’ sempre una buona cosa quindi ricevere un riconoscimento per quanto si sta facendo. Noi vogliamo semplicemente mostrare che sono possibili anche altre strade.

Helmut Schache
Amministratore delegato, Kösener Spielzeug Manufaktur GmbH

Abbiamo avuto l’idea di produrre da soli la nostra energia con 200 KW di impianto fotovoltaico, così semplicemente. Non è solo per l’ecologia, ma è anche per risparmiare sui costi. Risparmiamo circa 30% sul nostro fabbisogno energetico e 60% sui costi di riscaldamento.

Bertram Spaeth
Proprietario, Best Western Premier Hotel Victoria

Dal 2002 serviamo il nostro hotel 4 stelle unicamente con energie rinnovabili. Facciamo in modo che questo non sia uno svantaggio per i nostri ospiti: il nostro scopo è quello di fornire un livello di confort e lusso pari a quello degli altri hotel a 4 stelle. La differenza è che, dietro le quinte, grazie alle tecnologie moderne il fabbisogno energetico è coperto completamente da energie rinnovabili.

Abbiamo anche bio colazioni, le camere sono ristrutturate secondo criteri di sostenibilità. Si tratta di un concetto a 360 gradi e per questo abbiamo già ricevuto molti premi.

Jana Moczarski
Direttore restauro, ZFB Zentrum für Bucherhaltung GmbH

La nostra attività si occupa di restauro di libri e carta. Realizziamo anche trattamenti come pulitura a secco e trattamenti particolari come la deacidificazione di massa. Si tratta questo di un processo che è stato sviluppato qui da noi.

Per la deacidificazione abbiamo costruito un nuovo edificio nel 2011. E in questo nuovo edificio abbiamo realizzato impianti geotermici per il completo sistema di riscaldamento.

Jürgen Peters 
Coordinatore di progetto, Innovationszentrum für Mobilität und gesellschaftlichen Wandel (InnoZ) GmbH

Ci occupiamo di trend nella ricerca futura. Cerchiamo però di far confluire questi trend in progetti. Sia progetti sostenuti da finanziamenti pubblici sia progetti senza, portandoli avanti da soli o con il supporto di altre aziende.

Un esempio concreto per il quale siamo stati premiati è il campus EUREF nel centro di Berlino nei pressi di Potsdamer Platz.  Lì oggi per la prima volta abbiamo realizzato una pala eolica attorno il gasometro. Lì abbiamo realizzato il mix di cui anche altre aziende che oggi hanno ricevuto questa certificazione hanno parlato: abbiamo cercato di realizzare un luogo all’interno della città autosufficiente dal punto di vista energetico. Un luogo che può ospitare attività commerciali ma anche servizi, come car sharing.

 

Lascia un commento