Fare startup tra Italia e Germania: in un video la storia di due innovative imprese italiane

Cosa vuol dire per una startup italiana essere basata a Berlino? Quali sono le differenze tra due ecosistemi dell’innovazione così diversi, quello italiano e quello tedesco? E infine, come riuscire a portare la propria startup all’estero?

A raccontarcelo sono state Marzapane e Codemotion, due delle 13 startup invitate a Italian Start-ups meet Berlin, l’evento che lo scorso 11 novembre ha fatto incontrare le imprese italiane con l’ecosistema tedesco dell’innovazione [qui trovate tutti i nostri post a riguardo].

Ecosistema startup: le differenze tra Italia e Germania secondo Marzapane

Fabio Corfone, 26enne arrivato a Berlino all’epoca del lancio di Zalando Italia, è il founder di Marzapane, una startup che si occupa di e-commerce di prodotti tipici italiani in Germania e nel nord Europa.

Fabio ci ha raccontato secondo la sua esperienza quali sono le caratteristiche che rendono Berlino uno dei migliori posti dove fare startup.

La più grande è sicuramente la densità delle aziende digitali e delle competenze che ci sono qui a Berlino. E questo non accade per caso, ma è la conseguenza di diverse politiche pubbliche e governative messe in atto negli ultimi anni”.

Tra le politiche tedesche a favore delle startup Fabio cita il rimborso dell’IVA su base mensile, invece che annuale, e la possibilità per chi è disoccupato e vuole aprire una propria impresa di ricevere delle sovvenzioni pubbliche.

Codemotion: come partire da un evento e finire a creare una rete di 30mila persone, in tutta Europa

Chiara Russo, co-founder di Codemotion, ha invece presentato la storia della sua startup. Nato come un evento singolo, Codemotion ora è:

  • una conferenza a Roma da 3800 partecipanti
  • eventi a Berlino, Roma, Madrid e Milano
  • altre 5 attività collaterali tra cui scuole di programmazione anche per bambini
  • soprattutto un network internazionale di 30000 sviluppatori

Questo perché il gruppo, dopo 6 anni di lavoro di notte e nei weekend per organizzare gli eventi, ha “accolto la sfida di portare Codemotion all’estero grazie al finanziamento di Lventure Group”.

Video: Codemotion e Marzapane all’Ambasciata Italiana di Berlino

//www.youtube.com/embed/eUiOAMbG5cY” width=”740″ height=”422″]

 

Marzapane: l’esperienza di una startup italiana con base a Berlino

Fabio Corfone, Founder di Marzapane

Mi chiamo Fabio, ho 26 anni e sono nato in Puglia. Dopo i miei studi, prima a Milano e poi a Toronto (Canada), mi sono trasferito a Berlino insieme con alcuni colleghi e amici per il lancio di Zalando Italy.

Tre anni fa sembrava in un certo modo strano trasferirsi in un altro paese solo per vendere scarpe al mercato italiano. Non avevamo ancora capito che cosa stava realmente succedendo a Berlino.

Ad aprile del 2013 ho deciso di lasciare il mio lavoro a Zalando per fondare la mia azienda.

Marzapane si occupa di e-commerce nel settore alimentare. Abbiamo un catalogo di oltre cento ricette sul nostro sito. L’utente in tutta la Germania sceglie una di queste ricette e noi gli spediamo una scatola con tutti gli ingredienti per realizzarla in una cena a casa.

Si tratta di un ponte tra i piccoli produttori italiani e un altro grande mercato, che non è solo quello della Germania, ma anche quello della distribuzione online.

Ecosistema startup: le differenze tra Italia e Germania

Quali sono le differenze tra Italia e Germania? La più grande è sicuramente la densità delle aziende digitali e delle competenze che ci sono qui a Berlino. E questo non accade per caso, ma è la conseguenza di diverse politiche pubbliche e governative messe in atto negli ultimi anni.

La prima ad esempio è la cosiddetta UG: l’azienda aperta con 1€ di capitale. So che in Italia questo è possibile solo da agosto/settembre dello scorso anno. In Germania dal 2008.

In Germania se sei disoccupato e vuoi provare ad aprire la tua azienda, puoi ricevere sei mesi di stipendio corrispondente quasi al 70% del tuo precedente salario. Quindi il trasferimento di denaro dal pubblico al privato è verso quell’individuo che prova a cambiare le cose.

[In Italia] anche la cassa integrazione è un trasferimento di denaro pubblico verso il privato. Quindi stiamo parlando praticamente della stessa cosa. Il denaro va dal pubblico alle imprese che, a causa di diverse inefficienze o per la crisi, non possono permettere ai propri dipendenti di andare a lavoro. Quindi in pratica il governo paga il salario di persone che non devono andare a lavoro. Questo è un modo per mantenere lo status quo.

L’IVA [in Germania] è rimborsata su base mensile. Questo dal punto di vista tedesco può essere considerato ovvio. Ma non è così in Italia.

Consideriamo che una startup, nei primi 5 mesi di attività, ha bisogno di numerosi investimenti perché ha bisogno di computer, di un ufficio, di scrivanie. Riavere indietro su base mensile l’IVA, può fare veramente la differenza.

La startup Codemotion: una presentazione

Chiara Russo, co-Founder di Codemotion

Codemotion è la più grande conferenza tecnica per sviluppatori in Italia e in Spagna.

Mobile, Web, Big Data, Cloud, sono solo alcuni esempi delle tematiche principali nei nostri eventi.

Il nostro evento principale è l’appuntamento romano di Codemotion. Lo scorso marzo abbiamo avuto 3800 partecipanti e più di 120 relatori provenienti da tutto il mondo e dalle più importanti aziende IT come Google, Microsoft, etc…

Dopo 6 anni di lavoro svolto principalmente di notte e nei weekend per l’organizzazione di questo evento, abbiamo deciso di accettare la sfida di portare Codemotion all’estero.

Quindi grazie agli investimenti di Lventure Group, abbiamo lasciato i nostri lavori e abbiamo lanciato la startup “Codemotion”.

Abbiamo iniziato con due eventi di successo in Italia, a Roma e Venezia, e ora abbiamo Codemotion World con tre eventi principali a Roma, Madrid e Berlino e tra due settimane debutterà la prima edizione a Milano.

Ma ciò che è davvero diverso ora è il fatto che Codemotion non è più solo una grande conferenza, ma comprende anche altre attività.

Abbiamo creato la do!lab school,  per chi non è un programmatore ma vuole imparare a programmare per avere anche l’opportunità di collaborare nel nostro network della startup.

Lavoriamo anche con i bambini, perché pensiamo che saper programmare è importante quanto scrivere o leggere. Quindi con il progetto Codemotion Kids insegniamo l’uso della tecnologia e la programmazione a bambini e ragazzi tra i 5 e i 12 anni.

Abbiamo iniziato dunque con degli eventi e oggi abbiamo grandi conferenze in tutta Europa, 5 altre attività e soprattutto abbiamo un network internazionale di 30.000 sviluppatori.

Lascia un commento