Le startup italiane a Berlino: "Ecco come il nostro talento incontra l'ecosistema digitale tedesco"

“Qual  è la risorsa segreta che rende Berlino uno dei migliori posti dove fare startup in Europa? Le startup stesse, lo spirito di impresa, i costi bassi della vita

Nicolas Zimmer, presidente della Fondazione per la Tecnologia di Berlino, ha raccontato la ricetta per le startup a Berlino durante Italian Startups meet Berlin, l’evento che ha fatto incontrare l’ecosistema dell’innovazione italiano con quello tedesco all’Ambasciata di Berlino [qui tutti i nostri post a riguardo].

Oggi continuiamo a parlarvi dell’evento con un video che riassume alcuni degli interventi più interessanti della giornata.

Ma il nostro racconto della giornata non finisce qui: a breve pubblicheremo l’intervista a Mattia Corbetta, Segreteria Tecnica del Ministro dello Sviluppo economico, e i pitch di alcune delle startup italiane presenti.

Tradizione e talento italiano incontrano il mondo digitale

La tradizione italiana,  la creatività e l‘inventività – anche nelle aree tecniche –  incontrano un ecosistema estremamente favorevole a Berlino” commenta Emanuele Gatti, Presidente della Camera di Commercio Italiana per la Germania, che descrive come la comunità del digitale italiano a Berlino sia una delle più importanti.

Molti degli italiani protagonisti della scena startup berlinese erano infatti presenti all’Ambasciata, come fa notare nel suo discorso d’apertura l’Ambasciatore Elio Menzione “Sono felice che oggi ci sia una partecipazione così ampia per un tema sempre più rilevante come quello dell’innovazioneNoto quindi con piacere che molti italiani a Berlino, principalmente giovani, hanno deciso di partecipare”.

Fare startup tra Italia e Germania

Fare startup tra Italia e Germania non solo è possibile, ma è anche auspicabile. Così Emanuele Gatti elenca i motivi che hanno portato a organizzare Italian Start-ups meet Berlin:

” Vogliamo intensificare le relazioni commerciali tra le start up italiane e tedesche, vogliamo che gli istituti di ricerca instaurino nuove forme di cooperazione, così che le start up italiane possano portare diversi esempi di “best practices” da Berlino all’Italia. E, non da ultimo, ci auguriamo che le aziende italiane e tedesche cooperino già nel primo stadio della nascita di un’azienda, per poter poi crescere insieme forti”.

La ricetta berlinese per le startup

Torniamo infine da dove siamo partiti: la ricetta berlinese per le startup. “A Berlino,” dice Nicolas Zimmer, “abbiamo un grande potenziale. Un potenziale reso possibile da investimenti nel giusto settore, ma anche dai talenti che sono arrivati in questa città”. Tra gli ingredienti per le startup troviamo dunque l’elevata spesa in istruzione (1,5 miliardi di euro sono i fondi che la città dedica ogni anno al settore), ma anche i costi bassi della vita che permettono di attirare talenti a costi minori.

Di seguito il video riassuntivo dei tre interventi.

Startup italiane a Berlino: le voci dell’evento

//www.youtube.com/embed/rYJY7inkLTY” width=”740″ height=”422″]

 

Elio Menzione – Ambasciatore Italiano a Berlino

Sono felice che oggi ci sia una partecipazione così ampia per un tema sempre più rilevante come quello dell’innovazione. Noto quindi con piacere che molti italiani a Berlino, principalmente giovani, hanno deciso di partecipare.

I nostri due Paesi hanno una relazione economica profonda e completa. La Germania è il primo partner commerciale per l’Italia e l’Italia è il sesto partner commerciale a livello mondiale per la Germania.

Il successo italiano nel settore lifestyle, a volte fa passare in secondo piano il fatto che l’Italia ha anche una base industriale e manifatturiera ampia e diversificata, come anche una florida produzione scientifica e tecnologica.

Siamo quindi convinti che sia presente un grande potenziale per una collaborazione bilaterale tra Italia e Germania, anche nel settore dell’innovazione.

———-

Emanuele Gatti – Presidente della Camera di Commercio Italiana per la Germania

Negli ultimi due anni  le startup sono cresciute in importanza nel contesto delle collaborazioni fra Italia e Germania. E mentre il governo italiano ha dichiarato come priorità  la promozione delle startup, Berlino è diventata uno dei più importanti  hub per le startup in Europa.

La community delle startup italiane è una delle più importanti a Berlino. Nel settore ICT, ad esempio, esiste già una piattaforma di scambio che connette con successo le start up italiane nell’area di Berlino e dintorni: si chiama Digitaly.

Il tradizionale talento italiano e caratteristiche quali una gran creatività e inventività – anche nelle aree tecniche –  incontrano un ecosistema estremamente favorevole a Berlino.

Quindi ci sono davvero le condizioni per uno mutuo sviluppo economico fra Italia e Germania. E questo è esattamente quello che vogliamo per la giornata di oggi. Vogliamo intensificare le relazioni commerciali tra le start up italiane e tedesche, vogliamo che gli istituti di ricerca instaurino nuove forme di cooperazione, così che le start up italiane possano portare diversi esempi di “best practices” da Berlino all’Italia.

E, non da ultimo, ci auguriamo che le aziende italiane e tedesche cooperino già nel primo stadio della nascita di un’azienda, per poter poi crescere insieme forti.

———-

Nicolas Zimmer – Presidente della Fondazione per la Tecnologia di Berlino

Qual  è la risorsa segreta che rende Berlino un hub per le startup? Sono proprio le startup. E quali sono le principali. E quali sono i motivi per cui una startup ha successo? Avere persone con spirito d’impresa. E come si crea lo spirito imprenditoriale? Prima di tutto si ha un’idea, un’idea innovativa in cui si crede. Secondo, si ha il coraggio: bisogna saltare nel mercato e giocarsi le proprie possibilità. E, terzo, scalare velocemente: perché altrimenti altre persone faranno lo stesso e si viene lasciati indietro.

Abbiamo molto potenziale e sono qui per mostrarvi quali sono i principali motivi. Questo potenziale è possibile grazie a tutta una serie di ingredienti che abbiamo a Berlino. Ingredienti resi possibili da investimenti nel giusto settore, ma anche dai talenti che sono arrivati a Berlino.

Berlino è attraente grazie ai costi bassi della vita. La media degli affitti, ad esempio, è la metà di quella che troviamo a Londra. E se guardiamo all’affitto degli uffici, la situazione è ancora migliore: siamo a meno di un quarto rispetto a Londra. I trasporti pubblici sono più economici, Internet è di poco meno costosa, e così via. Così si vede che sommando tutto si ha un totale di costo della vita che è circa metà di quanto si spenderebbe a Londra. Così siamo capaci di avere talenti a un prezzo minore.

Lascia un commento