Cremona: vi raccontiamo il sistema economico di una provincia con un export da 3,3 miliardi di euro

industria_cremona

Un sistema produttivo che conta oltre 30 mila imprese e un export da 781 milioni di euro verso la Germania (sul totale di 3,3 miliardi per il 2012): questi sono alcuni dei dati che abbiamo trovato nell’ultimo report che la Camera di Commercio di Cremona ha dedicato all’andamento economico della provincia lombarda.

Noi di ItaliaGermania abbiamo colto l’occasione e, partendo da questi dati, oggi abbiamo deciso di raccontarvi il sistema produttivo della provincia di Cremona.

Il report completo della Camera di Commercio di Cremona potete invece scaricarlo da qui.

Partiamo raccontando le imprese del territorio.

Oltre 30mila imprese di cui il 20% al femminile

Al 31 dicembre 2012 le imprese registrate presso la Camera di Commercio di Cremona erano oltre 30 mila, delle quali 27.942 attive. In generale, nel corso degli ultimi anni, si assiste infatti ad una riduzione costante delle aziende agricole, delle imprese manifatturiere e di quelle del commercio, mentre crescono i servizi, sia alle persone che alle imprese.

Oltre la vocazione agricola della provincia [le aziende agricole costituiscono il 14% di quelle totali] si può notare la specializzazione delle imprese cremonesi nel settore delle costruzioni [quasi la metà delle imprese artigiane cremonesi è attiva in questo settore], nel commercio al dettaglio, pubblici esercizi e industrie alimentari.

L’impresa al femminile è in crescita

Un profilo imprenditoriale che negli anni ha assunto una robusta consistenza all’interno del tessuto economico-produttivo provinciale, è quello delle aziende al femminile.

Per aziende al femminile si intendono tutte le aziende con titolare donna o dove la percentuale di partecipazione femminile tra i soci o gli amministratori, è superiore al 50%.

A fine 2012 le imprese attive con le caratteristiche sopra riportate erano 5.765, costituendo poco più del 20% del totale delle imprese attive.

Esportazioni: 781 milioni di euro il valore dell’export verso la Germania

esportazioni_cremona

I 3,3 miliardi di euro in esportazioni per il 2012 costituisce il massimo storico cremonese e segna una crescita del 2,4% rispetto all’anno prima.

“Nella veste di acquirenti, le prime posizioni dei paesi verso i quali più esportano le imprese cremonesi sono occupate da Germania, Francia e Spagna, con valori rispettivamente di 781, 391 e 177 milioni di euro“.

L’export verso la Germania, rispetto ai valori del 2011, è aumentato del 2,3%.

A livello di singolo prodotto, le esportazioni cremonesi del 2012 confermano l’importanza dei tubi, che restano la voce principale con oltre 525 milioni di euro, in crescita del 5% sul 2011. Calano invece del 3% i prodotti della siderurgia ed i prodotti chimici di base (-6,5%), ma riprendono la corsa interrotta nel 2011 i metalli di base preziosi (+23%) e i macchinari di impiego generale.

In prima fila per valore importato nel 2012 si ritrovano ancora i prodotti della siderurgia.

E infine…le imprese in rete

Concludiamo con un tema a noi caro: le reti di imprese. Nato nel 2009, il contratto di rete è una forma giuridica che consente alle imprese, soprattutto alle piccole e alle medie, di unire le proprie forze e le rispettive risorse economiche per aumentare la propria capacità innovativa.

A fine dicembre 2012 in Italia erano stati stipulati 647 contratti di rete, coinvolgendo 3660 imprese. Tra questi, la provincia di Cremona, ha visto nascere 12 contratti (con collegamenti anche extraprovinciali) che hanno interessato 17 imprese cremonesi in maggioranza operanti nell’ambito dell’industria manifatturiera.

Foto da qui: flickr/critic-1

 

Lascia un commento