Gli ultimi dati del turismo tedesco in Italia, raccontati grazie alla storia di Günther e Tanja

dati_turismo_italia

Come viaggiano i tedeschi? Dove si informano per pianificare il proprio viaggio e come si comportano una volta arrivati sul luogo di villeggiatura?

Per rispondere a queste domande abbiamo raccolto gli ultimi dati sul turismo tedesco in Italia, mettendo insieme varie fonti: dall’Osservatorio Nazionale del Turismo al Ministero degli Affari Esteri, da Impresa Turismo, la rivista scientifica a cura dell’Istituto Nazionale Ricerche Scientifiche, alla società tedesca Verband Internet Reisevertrieb V.I.R.

Ve li raccontiamo attraverso una storia, quella di Günther e Tania. Seguiamo così la pianificazione e il viaggio di una famiglia tedesca e del loro primo viaggio in Italia: una decina di giorni tra il lago di Como e Venezia.

La famiglia tedesca in vacanza in Italia: storytelling

Attori:

  • Günther (45 anni)
  • la moglie Tanja (42 anni)
  • il figlio Matthias (8 anni)

La destinazione

Italia 10 -12 giorni (5 giorni sul Lago di Como e 4 giorni a Venezia)

Günther è un ingegnere tedesco di 45 anni [“oltre la metà dei turisti tedeschi ha meno di 40 anni, mentre il 26,6% ha un età compresa tra  41 e 50 anni”, dati Osservatorio Nazionale del Turismo ONT] che con la sua famiglia, la moglie Tanja ed il figlio Matthias [“i turisti tedeschi viaggiano molto in coppia (36,1%) o in famiglia con i bambini (23,1%), ma anche con gli amici(17,3%)”, dati ONT] decide di trascorrere le vacanze estive per la prima volta in Italia [“fra le presenze straniere in Italia la quota maggiore è tedesca con il 29,6%, seguono, a notevole distanza, Paesi Bassi (6,8%), Regno Unito (6,6%) e Francia (6,6%)”, dati Ministero Affari Esteri].

Le motivazione che spingono Günther a voler andare in Italia sono in primis la tranquillità della destinazione e la possibilità di trascorrere un soggiorno rilassante e riposante [72,1% dei tedeschi che ha in programma di soggiornare in Italia, dati impresaturismo].

L’idea di Günther è quella di trascorrere tra 10 e 12 giorni durante il mese di luglio [“a luglio e agosto si concentrano il 36,6% dei viaggi dei tedeschi all’estero”, dati impresaturismo; “ogni anno il 75% dei tedeschi si concede una vacanza di durata maggiore a 5 giorni”, dati Verband Internet Reisevertrieb V.I.R 2013] visitando almeno due posti differenti, ma ancora non sa bene che zone visitare [“i tedeschi sceglieranno l’Italia in prevalenza per vacanze al mare (73,7%), in città d’arte (51,8%), vacanze in famiglia (38,9%), vacanze avventura (40,6%), vacanze verdi a contatto con la natura (35,7%) e vacanze attive (32%). Tra i viaggi più desiderati, i tour che toccano più destinazioni (il 32,1% dei tedeschi farà un round trip) ed i soggiorni benessere (31,1%)”, dati impresaturismo], proprio per questo motivo vuole affidarsi ai tour operator [“è nelle intenzioni del 64,6% di questi futuri turisti affidarsi all’organizzazione di un tour operator”, dati impresaturismo].

La pianificazione

Sia Günther che la moglie cominciano quindi ad utilizzare il web per ottenere alcune informazioni utili sulle mete da visitare [“il 63,8% dei turisti nel 2011ha utilizzato il web per ricercare informazioni sulla vacanza in Italia “, impresaturismo], i due comunque sono sicuri di voler partire in aereo e di alloggiare in albergo lungo tutta la vacanza [“per raggiungere la località di vacanza all’estero il mezzo preferito è l’aereo (54% dei viaggi) seguito dall’automobile (31%), mentre per l’alloggio si preferiscono nel 55% dei casi gli hotel, seguiti a distanza dalle case in affitto (14% dei viaggi all’estero) e dalle residenze di amici e parenti (12%)”, ONT].

La ricerca fra i tour operator sarà orientata soprattutto nella ricerca di pacchetti vacanza per famiglie [“questo avviene per il 70% dei turisti tedeschi”, dati teamwork].

La pianificazione della vacanza per Günther e Tanja impiega molto tempo visitando molti siti per ottenere le informazioni di cui hanno bisogno.

[“L’incidenza del web su queste scelte fa sì che in media i tedeschi visitino addirittura 13 siti alla ricerca di informazioni, per una media di 9 ore a testa.  Nell’organizzazione della vacanza Internet ha un ruolo di primo piano per questo mercato: vi fa ricorso nel solo 2011 il 56% dei turisti per ricercare informazioni ed il 29% lo utilizza per fare prenotazioni. Il ricorso al trade per l’acquisto di un pacchetto turistico coinvolge i tedeschi in vacanza all’estero nel 53% dei casi, con una netta prevalenza di tour organizzati scelti da catalogo (49%) rispetto a quelli realizzati ad hoc sulla base dei bisogni/necessità della domanda (4%)”, dati ONT]

Entrambi controllano vari siti di recensioni di viaggio (87%), sia a casa insieme, sia tramite il proprio smart-phone quando i due sono a lavoro [“il 38% dei leisure traveller utilizza un dispositivo mobile per cercare informazioni relative ai viaggi”, dati Google], utilizzando molto più un accesso da mobile che da computer fisso [“-10% nel 2012 rispetto 2011”, Google].

La ricerca comincia sul motore di ricerca utilizzato [il 62% dei leisure traveller sceglie i motori di ricerca come fonte primaria, dati Google] e da qui le ricerche si spostano soprattutto sui siti di recensione di viaggi.

Le varie informazioni raccolte, soprattutto riguardo la bellezza e l’attrattività delle mete porta Günther e Tanja a voler visitare il Trentino Alto Adige e il Veneto, in particolar modo Venezia [Trentino Alto-Adige (31,5%) e sul Veneto (26,6%), ONT].

Visitando però i siti di diversi tour operator, Günther trova un pacchetto turistico che prevede 5 giorni sul lago di Como e 4 giorni a Venezia con la possibilità di poter noleggiare un’automobile ed uno sconto nel caso in cui si viaggia con bambini.

Il pacchetto prevede:

  • il volo di andata Monaco-Milano
  • noleggio auto direttamente in aeroporto
  • 5 giorni di soggiorno in Hotel 4 stelle [71% albergo a 3 o 4 stelle, teamwork] nelle vicinanze del Lago e successivamente 4 giorni di alloggio in Hotel (3 stelle) a Venezia con volo di ritorno da Venezia verso Monaco.

Günther e la moglie sembrano molto decisi ad affidarsi a questo tour operator, ed inoltre alcuni amici di Günther che hanno già visitato l’Italia hanno fortemente consigliato il Lago di Como come qualcosa da non perdere assolutamente [“La scelta dei tedeschi di passare le proprie vacanze in Italia viene influenzata in ben il 37,9% dei casi dal passaparola, che si conferma il più efficace strumento di marketing insieme a Internet (30,5%), ONT] [Tra gli stranieri, i più affezionati al Lago di Como si riconfermano i tedeschi (con 320.235 presenze), Camera di Commercio di Como].

Günther, dopo un confronto con la moglie, ed affascinato sia dall’offerta enogastronomica di qualità italiana [motivazione per il 48% dei turisti tedeschi in Italia, ONT] ma anche dalla presenza di un patrimonio naturalistico di pregio [motivazione di visita per il 32% dei turisti tedeschi in Italia] decide quindi di acquistare questo pacchetto direttamente dal web con 3 mesi di anticipo.

[“Il 54% dei turisti tedeschi prenota prima di partire, di cui: il 33% attraverso il web; il 32% con un contatto diretto con la struttura di alloggio (19%), il vettore di trasporto (6%) o il privato che affitta l’abitazione (7%) il 21% passa attraverso il trade”, ONT] [“Il 32,6% dei tedeschi prenota con almeno 3 mesi di anticipo”, V-I-R 2013].

L’inizio della vacanza

La vacanza inizia e, una volta giunti a Milano Malpensa, la famiglia sale sulla macchina presa in noleggio e tramite navigatore si dirigono verso l’albergo prenotato nei pressi del Lago di Como.

Durante questi primi 4 giorni di vacanza, Günther pianifica delle attività da fare con il figlio. Tramite smartphone quindi si imbatte in un portale internet dove prenota un giorno di escursioni da fare con l’intera famiglia, ma vorrebbe anche dedicare del tempo a degustare alcuni prodotti tipici del posto. La moglie invece è molto interessata nel fare dello shopping soprattutto orientato ai prodotti tipici del posto [Nel corso della vacanza il 50% dei tedeschi in Italia pratica dello sport, il 34% fa escursioni ed il 29% shopping, il 23% degusta prodotti tipici locali ed il 10% acquista prodotti tipici ed artigianali, ONT].

Giunti al termine i 4 giorni di vacanza presso il Lago di Como, la famiglia tedesca si dirige in macchina verso Venezia, dove andranno ad alloggiare in un Albergo 4 stelle.

Le attività pianificate sono prevalentemente culturali. Si và dalla visita del centro storico [58% dei turisti tedeschi, ONT] le cattedrali ed i luoghi dello spirito [28% dei turisti tedeschi, ONT], i castelli [20% dei turisti tedeschi, ONT] ed i musei [15% dei turisti tedeschi, ONT] ma anche i parchi e le aree naturalistiche [42% dei turisti tedeschi, ONT].

La spesa media giornaliera per la vacanza è di 88 euro al giorno, escluso l’acquisto del pacchetto vacanza.

Foto da qui: flickr/Melindameli
Ringraziamo Luca Talarico per la raccolta dei dati e l’elaborazione dello storytelling

Lascia un commento