Barriere architettoniche: vi raccontiamo la cooperativa sociale che offre consulenza ad enti pubblici e privati

Independent L

Nel novembre 1997 nove disabili fisici hanno deciso di fondare la cooperativa sociale Independent L.

L’obiettivo era quello di adoperarsi per l’abolizione di tutte le barriere discriminatorie e di tutelare il diritto per le persone con disabilità ad una vita indipendente. A 16 anni di distanza la cooperativa altoatesina propone ad enti pubblici e privati una serie di attività che vanno dall’assistenza e consulenza a servizi di monitoraggio delle barriere architettoniche, dalla formazione alla gestione di un webcenter.

“Come raggiungiamo la sostenibilità economica? Attraverso contributi erogati da enti pubblici, convenzioni con enti pubblici per l’erogazione di determinati servizi, incarichi diretti da parte di enti pubblici e privati”

Per il nostro Osservatorio sull’impresa sociale oggi abbiamo intervistato Enzo Dellantonio, il direttore della Independent L.

Dellantonio ci ha raccontato come una cooperativa sociale può crescere, fornire diversi servizi di supporto ad enti pubblici e privati e fare tutto ciò seguendo i dettami dell’impresa sociale: operare per realizzare finalità di interesse generale.

Maggiori informazioni sulla cooperativa Independent L. si possono trovare sul loro sito web e sul canale YouTube.

 

Chi siete e qual è la vostra missione?

Independent L. è una cooperativa sociale nata nel novembre del 1997 per volontà di nove disabili fisici, tutti in sedia a rotelle.

L’obiettivo dei fondatori è quello di adoperarsi per l’abolizione di tutte le norme e di tutte le barriere discriminatorie, per la tutela del diritto per le persone con disabilità alle pari opportunità e soprattutto ad una vita indipendente, caratterizzata da una reale autonomia nelle grandi e piccole decisioni riguardanti la quotidianità.

Attraverso le attività della cooperativa, si vuole incentivare il re/inserimento sociale delle persone con disabilità motorie, per una piena integrazione sul lavoro, all’interno della famiglia e della scuola.

In sintesi, la mission si incentra:

  • sulla promozione dell’independent living
  • sull’offerta, alle persone con disabilità, di stimoli e motivazioni per condurre una vita indipendente
  • sull’ideazione e sviluppo di strumenti che favoriscano il raggiungimento dell’autonomia e dell’integrazione sociale
  • sull’offerta di consulenza e informazione alle persone con disabilità, mettendo a disposizione conoscenze, tecnologie, professionalità ed esperienza nell’interesse della società e per il pieno rispetto dei diritti delle persone.

Come cercate di realizzare questa vostra missione (strategie d’impresa)?

La cooperativa offre diversi servizi che mirano a raggiungere gli obiettivi anzidetti e che possono essere sintetizzati come segue:

Sostegno e consulenza sociale ai disabili e ai familiari

  • analisi dei fabbisogni e aiuto nell’organizzazione necessaria alla loro soddisfazione, anche mediante visite domiciliari
  • consulenza sulle normative relative alla disabilità (invalidità civile, interventi per la non autosuffi­cienza, ecc.)
  • informazioni su contributi, agevolazioni e riduzio­ni; informazioni aggiornate sui servizi offerti da di­stretti, comuni, comprensori, ASL
  • elaborazione insieme alla persona disabile di pro­getti individuali per il reinserimento sociale e la­vorativo
  • informazioni su corsi, progetti di riqualificazione e formazione a sostegno dell’inserimento professio­nale; organizzazione di attività sportive come barca a vela, handbike e sci di fondo
  • redazione di una newsletter sempre aggiornata sulle principali novità del set­tore sociale e della disabilità e gestione del sito informativo www.independent.it
  • gestione di una pic­cola biblioteca specializzata
  • Peer Counseling, ovvero una consulenza for­nita da persone con disabi­lità motoria, che basandosi su conoscenze ed esperienze sviluppate personalmente, forniscono e condividono con altre persone disabili strumenti per risolvere autonomamente questioni e problematiche quotidiane

Consulenza psicologica per le persone disabili e i loro familiari

Ovvero la gestione sia del periodo postrau­matico, sia, più in generale, delle situazioni quoti­diane di difficoltà inerenti la disabilità e lo stress dovuto all’impatto con la nuova situazione esisten­ziale riguardano tanto la persona colpita dalla di­sabilità, quanto i familiari più stretti (servizio a pagamento).

Consulenza sugli ausili tecnologici

Il servizio è rivolto sia alle persone che possono trarre un diretto vantaggio in termini di autonomia dall’utilizzo di queste tecnologie, sia alle varie figure professio­nali che operano nel campo della salute, dell’istruzione e del sociale.

All’interno della cooperativa è presente un’ausilioteca, ovvero una mostra perma­nente delle più avanzate tecnologie d’ausilio riguardanti, principalmente, l’accesso al PC, l’automazione ambientale, la comunicazione e il software didattico.

Consulenza sul tema del superamento e dell’abbattimento delle barriere architettoniche

Rilevamento e analisi del bisogno/problema, sopralluogo: analisi della situazione esistente, consulenza per l’abbattimento materiale delle bar­riere, consulenza sulle possibilità di compensa­zione raggiungibili con l’installazione e l’impiego di au­sili che consentano il superamento di determinati ostacoli architettonici,  consulenza sulle possibilità di finanziamento, consulenza per il superamento delle barriere archi­tettoniche condominiali.

Ulteriori servizi di consulenza (a pagamento) sono: disegni tecnici e proposte di soluzioni nel rispetto della normativa vigente, stima dei costi per le soluzioni di adattamento pro­poste, sopralluogo con artigiani specializzati per la defi­nizione di preventivi dettagliati, aiuto nella richiesta di finanziamenti: raccolta, ve­rifica e consegna dei documenti necessari all’Uffi­cio Promozione dell’edilizia agevolata

Servizi di rilevamento e monitoraggio delle barriere ar­chitettoniche per i Comuni della Provincia di Bolzano

L’art. 11 della Legge Provinciale 21 maggio 2002, n. 7 “Disposizioni per favorire il superamento o l’elimina­zione delle barriere architettoniche” prevede che tutti i Comuni della Provincia adottino un piano di inter­vento finalizzato alla rimozione delle barriere architet­toniche.

Il piano di intervento comporta il sistematico rileva­mento di tutte le barriere e la formulazione di specifi­che proposte per il loro superamento, con lo scopo di pianificare al meglio gli investimenti e gli interventi volti a favorire l’accessibilità delle nostre città, a favore dei residenti, ma anche dei numerosi turisti che visita­no la Provincia di Bolzano.

I servizi offerti dal team tecnico di independent L. sono dunque i seguenti: rilevamento delle barriere architettoniche esistenti con fotografie, descrizioni, misure tecniche e docu­mentazione georeferenziata (GPS), indicazione non vincolante delle priorità per il su­peramento delle barriere rilevate, proposte per il superamento delle barriere rilevate, stima dei costi per il superamento delle barriere rilevate, banca dati “Comuni per tutti”: una fonte di infor­mazioni online consultabile da cittadini e turisti ed un valido strumento di pianificazione e monitorag­gio per i tecnici comunali,  utilizzo della banca dati online per segnalare anche i principali luoghi di interesse pubblico, turistico e sociale (es. proloco, trasporti, farmacie, monumen­ti, musei).

Formazione

La cooperativa sociale independent L. offre diverse op­portunità di formazione con l’obiettivo principale di incentivare l’inserimento lavorativo, nonché l’indipen­denza economica, presupposto imprescindibile per una vita indipendente e per la piena integrazione sociale delle persone disabili. Si citano, a tal proposito, il “Corso independent per l’inserimento lavorativo”, attivato ogni anno e finanziato dal Fondo Sociale Europeo; Patente europea del computer ECDL; Corsi di informatica a Merano, Bolzano e Bressanone.

Analisi, studi e ricerche

Nel corso degli anni, la cooperativa si è dedicata con grande impegno allo studio delle necessità delle persone disabili, un’attività indispensabile a migliorare la qualità della vita e ad av­viare progetti innovativi che possano incidere anche sulla politica socio-sanitaria.

Webcenter

Webcenter (www.webcenter.bz.it), nato con l’idea di creare un ambiente adatto alla promozione dell’inte­grazione lavorativa, si compone oggi di professionisti con esperienze lavorative e formative di livello nazio­nale ed internazionale specializzati in vari settori, tra cui la progettazione, il design, il marketing e la grafica pubblicitaria. Siti web, presentazioni multimediali, manifesti, de­pliant e brochure sono solo alcune delle proposte del team, che rivolge una particolare attenzione anche al tema dell’accessibilità delle pagine web realizzate, in modo che siano fruibili integralmente anche per perso­ne con difficoltà sensoriali, motorie e cognitive. Webcenter si rivolge a imprese e associazioni che in­tendono migliorare la visibilità dei servizi offerti o che vogliono sfruttare un nuovo canale per pubblicizzare i propri prodotti. I principali servizi offerti sono: web application: applicazioni web per internet, ex­tranet e intranet, siti aziendali, siti di e-commerce, portali, applicazioni amministrative e gestionali, soluzioni software; web design: dall’elaborazione del concetto, alla veste grafica personalizzata, fino al lavoro di pro­grammazione, proposte e soluzioni grafiche per siti, media e materiale pubblicitario, elaborazione immagini; web hosting: manutenzione e configurazione per una professionale presenza sul web; gestione siti internet e social network; posizionamento sui motori di ricerca; inserimento e gestione dati: aggiornamento archi­vi, scansione di materiale cartaceo, digitalizzazio­ne di materiale cartaceo; albo pretorio digitale per gli Uffici comunali

Alto Adige per tutti

“Alto Adige per tutti” è un portale internet e uno spor­tello informativo per il turismo senza barriere in Alto Adige.

Per “tu­rismo senza barriere” o “turismo accessibile” si intende l’insieme di servizi e di strutture che permettono alle persone con esigenze speciali – per esempio ad anziani, disabili, persone con ridotte capacità motorie, fami­glie con bambini piccoli – la fruizione della vacanza e del tempo libero in modo autonomo, senza ostacoli né difficoltà. Il portale turistico www.altoadigepertutti.it è ricco di fotografie, descrizio­ni e misure relative alle varie strutture pubblicate. Il sito mostra in dettaglio l’accessibilità di alberghi e ristoranti, servizi per lo sport e il tempo libero, attrazio­ni turistiche, impianti di risalita e mezzi di trasporto pubblico, offrendo al visitatore la possibilità di sceglie­re autonomamente l’offerta che meglio corrisponde alle proprie esigenze. La particolare cura per i dettagli fa del portale un mez­zo indispensabile per tutti coloro che vivono in Provin­cia di Bolzano o che intendono trascorrere qui le pro­prie vacanze in serenità.


In che modo raggiungete la sostenibilità economica?

Attraverso diverse forme di sostentamento:

  • contributi erogati da enti pubblici
  • convenzioni con enti pubblici per l’erogazione di determinati servizi
  • incarichi diretti da parte di enti pubblici e privati

Quale forma giuridica avete adottato, e perché?

La cooperativa, fin dalla sua costituzione, si ispira ai principi di solidarietà e mutualità, proponendosi  come centro di aggregazione e punto di riferimento per tutte le persone con disabilità motorie anche gravi della Provincia di Bolzano.

La filosofia operativa e questi valori sottesi hanno condotto alla scelta della „cooperativa“ quale forma giuridica, dunque non finalizzata al lucro ma al perseguimento degli interessi della collettività e la massimizzazione del benessere sociale.

Quali sono le vostre particolarità di governance?

Le particolarità del sistema di governance della cooperativa fanno riferimento alla creazione e implementazione di un sistema di gestione per la qualità coerente con le moderne acquisizioni scientifiche e finalizzato a garantire una maggiore efficacia ed efficienza dei servizi erogati, dunque orientato al miglior benessere possibile per l’utente.

Viene utilizzato un approccio “per processi” che permette di strutturare tutte le funzioni in vista del conseguimento degli obiettivi. La metodologia di lavoro, dunque, permette di pianificare, controllare, correggere e migliorare costantemente tutte le attività attraverso una strutturazione per aree, l’identificazione di responsabili d’area e di progetto, riunioni settimanali d’area e di coordinamento, la definizione di un sistema di governo dei processi, la definizione di procedure da seguire, le modalità di comunicazione tra i diversi operatori e la messa a fuoco dei possibili fattori (risorse, metodi, materiali) che possono contribuire a migliorare le attività.

Quali sono le vostre proiezioni verso il futuro (prossimi 3- 5 anni)?

La cooperativa intende proseguire con tutte le attività consolidate fino a questo momento e descritte precedentemente. L’obiettivo è quello di mantenere e rafforzare a lungo termine la posizione di organizzazione di riferimento e centro di competenza sul territorio per l’autonomia, la vita indipendente e l’integrazione sociale delle persone disabili.

In modo particolare, nei prossimi anni:

  • si intensificheranno le azioni di sensibilizzazione della popolazione attraverso strumenti informatici (miglioramento del portale turistico Alto Adige per Tutti) e cartacei (creazione di guide per l’accessibilità, come l’imminente “Kulturerlebnis für Alle”)
  • si approfondirà l’attività di studio e ricerca sulle necessità delle persone disabili (è in preparazione, ad esempio, un convegno internazionale sul tema Sport e disabilità)
  • si intensificherà il lavoro di rete con altri enti e istituzioni sul territorio e a livello nazionale/europeo
  • si ideeranno nuove soluzioni abitative che garantiscano una vita indipendente.

Cos’ è l’impresa sociale secondo voi? Vi definireste come tale?

La legge n. 118/2005 definisce l’impresa sociale come un’organizzazione privata senza scopo di lucro che esercita, in via stabile e principale, un’attività economica di produzione o di scambio di beni o di servizi di utilità sociale, diretta a realizzare finalità di interesse generale.

La cooperativa sociale independent L. è un’impresa sociale a tutti gli effetti in quanto è impegnata non solo nell’affermazione del diritto a una vita indipendente e senza barriere delle persone con disabilità, ma anche nella sua concreta realizzazione.

Le attività della cooperativa independent L. si sono sempre caratterizzate per l’orientamento all’utente svantaggiato, ai suoi familiari, al personale specializzato in ambito socio-sanitario e scolastico e all’intera collettività, in coerenza con la mission dell’organizzazione e la forma giuridica scelta, come mostra l’elenco di servizi offerti riportati precedentemente.

Scheda Tecnica

  • Nome della organizzazione: Cooperativa sociale “independent L.”
  • Indirizzo: Via Laurin 6/A – 38012 Merano
  • Sito web: http://www.independent.coop/
  • Nome dell’intervistato: Enzo Dellantonio

Foto dal sito di Independent L.

Lascia un commento