Gli ingredienti per aprire un ristorante in Germania e vincere il Marchio Ospitalità Italiana

Negli scorsi mesi abbiamo geolocalizzato in questa mappa 24 ristoranti italiani in Germania che hanno ottenuto il marchio Ospitalità Italiana.

Il marchio Ospitalità Italiana costruisce una rete dei ristoratori italiani all’estero che incontrano alti requisiti di qualità e “tipicità” italiana. Vale a dire… dei veri e propri ambasciatori del Made in Italy culinario all’estero. Il progetto è nato con il supporto dell’Istituto Nazionale Ricerche Turistiche – IS.NA.R.T. – società delle Camere di commercio

A spiegarci la “ricetta giusta” per vincere il marchio sono stati Michele e Luciano Piroddi del ristorante Sardegna a Francoforte, intervistati da il mese scorso presso la sede di Francoforte della Camera di Commercio Italiana per la Germania.

Olio, pomodoro, basilico… ingredienti naturali e salutari, che sono le specialità che l’Italia può offrire al mondo. E la continuità di lavoro.

Sono questi gli ingredienti per entrare nella rete Ospitalità Italiana,secondo Michele Piroddi, da 23 anni in Germania e proprietario del ristorante Sardegna.

Michele e Luciano ci hanno raccontato inoltre dell’importanza di istituire la rete Marchio Ospitalità Italiana per tutti i ristoranti italiani in Germania.

La cucina italiana in Germania è molto apprezzata. Purtroppo non è sempre originale e realizzata effettivamente da italiani. Questo è il punto da migliorare grazie a reti come quella dell’Ospitalità Italiana. Se un ristorante è italiano, bisogna consigliarlo e comunicarlo.

Potete leggere (e ascoltare) più dettagli sulla storia di questo presidio dell’alta qualità italiana nell’intervista qui di seguito.

Michele e Luciano Piroddi: ecco come abbiamo vinto il marchio Ospitalità Italiana

 

Sono Piroddi Michele, vengo dalla Sardegna e sono il proprietario del ristorante “Sardegna” a Francoforte. Sono da 23 anni in Germania.

—————————————————————————-

Buongiorno, io sono Luciano Piroddi, sono il cuoco del ristorante “Sardegna”. Sono il fratello di Michele e da 20 anni abito qui in Germania.

Marchio Ospitalità Italiana: quali sono gli ingredienti per ottenerlo?

Per noi è una cosa nuova far parte di questo progetto.  Sarà un’azione molto innovativa, che porterà sicuramente dei frutti e delle risonanze: sarà qualcosa di positivo. Gli ingredienti per ottenere questo marchio? Sicuramente utilizzare le cose naturali italiane, dall’olio al pomodoro al basilico. Tutte le specialità che possiamo offrire in modo naturale dall’Italia. E il più salutari possibile.
Il segreto per ottenere il Marchio Ospitalità italiana è la continuità di lavoro. Continuare a puntare sui prodotti italiani, originali e tipici, sicuramente è un buon segreto per arrivare a dei buoni risultati.

—————————————————————————-

La vostra esperienza: quanto è apprezzata dai tedeschi la cucina italiana?

La cucina italiana in Germania è molto apprezzata. Purtroppo non è sempre originale: spesso infatti non è fatta dagli italiani. Questo è un punto da migliorare, anche grazie a premi come quello dell’Ospitalità Italiana. Marchi e premi che si dovrebbero più mettere in vista. Così si può cercare di seguire un progetto per migliorarci in questo campo: un ristorante italiano dovrebbe essere italiano, bisogna consigliarlo e comunicarlo. Questo è il progetto da portare a termine.

2 risposte a “Gli ingredienti per aprire un ristorante in Germania e vincere il Marchio Ospitalità Italiana”

  1. Lo chef Carmelo Greco: ecco come a Francoforte importatori e ristoratori garantiscono i prodotti italiani - italiagermania | il blog

    […] made in Italy culinario all’estero [questa settimana i proprietari del ristorante Sardegna ci hanno già raccontato gli ingredienti per vincere il marchio Ospitalità […]

    Rispondi
  2. Meisterkoch Carmelo Greco: so gewährleisten in Frankfurt Importeure und Restaurateure die Qualität italienischer Produkte - italiagermania | il blog

    […] in Italy im Ausland sprechen lassen [letzte Woche haben uns die Besitzer des Ristorante Sardegna erzählt, welches ihrer Meinung nach das Geheimrezept für den Erhalt des Qualitätssiegels Marchio […]

    Rispondi

Lascia un commento