Quando è il distretto a proporre i progetti di filiera [tra banda larga e smart grid]

Proseguiamo con la serie di articoli sul Distretto Green & High Tech di Monza e Brianza [raccolti sotto la tag Monza e Brianza Park].

Questa volta presentando due progetti di filiera promossi dal distretto per il distretto stesso.

L’obiettivo? Implementare le infrastrutture e favorire collaborazioni concrete tra imprese e istituzioni locali.

La Banda Ultra Larga

C’è l’agenda digitale, promossa a livello Europeo e, recentemente, anche a livello nazionale e locale. E spesso parlando di accesso ad internet tra i sostenitori dell’agenda, si sottolinea la necessità di fare formazione oltre a fornire l’infrastruttura fisica.

Il Monza e Brianza Park sta lavorando ad un progetto strategico per l’installazione di una Banda Ultra Larga (più di 100 Mb) puntando alle 472 PMI dell’area di Concorrezzo e dell’ex-Singer di Monza, probabili utenti del servizio. Il tutto grazie ad un finanziamento di un milione di Euro da parte della Regione Lombardia.

L’obiettivo è quello di attrarre un numero maggiore di imprese dell’High Tech e di sostenere quelle già presenti nello sviluppo di prodotti e servizi che utilizzino la nuova infrastruttura.

Ma la banda larga è anche una questione di cultura. Per questo a settembre 2012 si sono tenuti due incontri per spiegare i benefici del Cloud alle imprese dell’aerea.

Oltre agli incontri formativi, vi sono poi i nodi di esperti, cioè la comunità di “educated users” che permetterà una più rapida comprensione dei vantaggi della banda larga anche presso le altre imprese e attori del territorio (come ad esempio gli ospedali).

La Smart Grid

Una smart grid è una rete di informazione che affianca la rete di distribuzione elettrica e gestisce la rete elettrica in maniera “intelligente” sotto vari aspetti o funzionalità ovvero in maniera efficiente per la distribuzione di energia elettrica evitando sprechi energetici, sovraccarichi e cadute di tensione elettrica. [da Wikipedia]

Il Distretto di Monza e Brianza ha promosso l’installazione di una smart grid performante e replicabile, riuscendo così a far collaborare le imprese chiave del territorio con le istituzioni locali.

Il territorio ne beneficia in termini di servizi e risparmio energetico, le imprese in termini di sviluppo del know how su un settore tanto importante.

Il primo passo in tal senso è stata la realizzazione a Sulbiate di un impianto di illuminazione pubblica a tecnologia LED, collegato ad un sistema di telecontrollo per la gestione del livello di illuminazione ed il monitoraggio remoto dei consumi. Edison e Philips, imprese associate al Distretto, ne hanno permesso la progettazione, realizzato da SMAIL, Società del Gruppo Manutencoop.

Territorio e impresa

Giacomo Piccini, direttore generale della Fondazione Distretto Green and High Tech di Monza Brianza, commenta i progetti strategici promossi in chiave di collaborazione tra territorio ed imprese:

Per il Distretto il raggiungimento di questo risultato dimostra come sia possibile avviare una collaborazione fattiva e di interesse comune tra le aziende aderenti e la Pubblica Amministrazione che intenda sviluppare soluzioni tecnologicamente avanzate. Facendo rete e aggregazione possiamo favorire lo sviluppo industriare e far crescere il territorio. Il progetto di illuminazione pubblica di Sulbiate è un esempio di networking ben riuscito che porterà benefici sia al Comune che ai cittadini.

Vogliamo guardare lontano. Risparmio energetico, abbattimento dei consumi e riduzione dell’inquinamento sono interventi concreti verso la realizzazione di centri urbani intelligenti

Il distretto in slides

Se volete avere un quadro generale e sintetico sulla Fondazione Distretto Green and High Tech di Monza Brianza, pubblichiamo qui di seguito la presentazione in inglese.

[iframe src=”http://www.slideshare.net/slideshow/embed_code/16114933″ width=”597″ height=”486″ frameborder=”0″ marginwidth=”0″ marginheight=”0″ scrolling=”no” style=”border:1px solid #CCC;border-width:1px 1px 0;margin-bottom:5px” allowfullscreen webkitallowfullscreen mozallowfullscreen]

Immagine da qui

Lascia un commento