Non solo B2B: alla Fiera Marmomacc di Verona, le imprese adottano i designer per parlare di sostenibilità

1 fiera, 1 tema, 10 imprese e 10 architetti. Sono gli ingredienti di ciascuna delle 6 edizioni di Marmomacc Meets Design (MMD).

Marmomacc Meets Design, continua a indagare potenzialità e versatilità dei materiali litici ponendo in fertile relazione l’esperienza delle aziende del settore e la creatività dei designer internazionali.

Sempre all’insegna di un’innovazione che cerca nuove letture di un materiale nobile e antico, duttile però per affrontare le variegate esigenze della contemporaneità, il progetto sceglie quest’anno di declinare uno dei temi di maggiore risalto della società attuale: la sostenibilità.

La fiera

Quella che sì svolgerà a Verona a settembre, da mercoledì 26 a sabato 29, sarà la 47° edizione di Marmomacc e, come abbiamo scritto in un precedente post, alla Fiera Internazionale di Marmo, Design e Tecnologie “si affianca un sistema integrato di servizi che vanno dalla presentazione di studi ai convegni su marmo e design: corsi di formazione continua, seminari tecnici e programmi per architetti“.

Marmomacc Meets Design si inserisce perfettamente in questo approccio strategico della fiera al settore di propria competenza. Oltre il B2B, per il B2B.

1 tema

Come si inserisce il marmo nel trend odierno tento sensibile al rispetto delle risorse ambientali?

Il tema verrà affrontato dai designer e architetti all’interno dell’evento: partendo dal confronto, arrivando a proposte ed esempi progettuali. Queste le premesse:

Materiale naturale, il marmo reca infatti con sé un patrimonio estetico, culturale e progettuale che lo pone in straordinaria sintonia con una riscoperta del dato ecologico, ambientale e paesaggistico le cui radici profondamente etiche ammantano ormai di nuove sensibilità anche il mondo della moda, del lifestyle, del progetto di architettura e di interni.

In questo contesto, proprio di una società che peraltro chiede con forza rinnovato e consapevole ottimismo, la riscoperta dei materiali naturali significa anche un ritorno del colore, esteso ormai a tutti i campi della vita quotidiana.

10 imprese

I genitori dei designer e architetti “adottati” sono imprese ricche di esperienza nel settore del marmo, e non solo:

  • Calvasina: La conoscenza e l’esperienza maturata nel corso degli anni nella selezione e lavorazione dei materiali, le consentono ad oggi di essere presente sul mercato con prodotti unici ed innovativi, la cui qualità è garantita dal controllo diretto e continuo.
  • Citco: splendide creazioni per dimore e locali nel mondo. Un nuovo modo di pensare la pietra naturale.
  • Fuchs, Oggi importiamo pietra naturale da tutto il mondo ed esportiamo principalmente in Germania, Austria e Svizzera. Tra i nostri clienti in Italia abbiamo privati, posatori, architetti, progettisti e istituzioni pubbliche.
  • Grassi Pietrela pietra di Vicenza per i progetti: Giallo Dorato, Bianco Avorio, Grigio Argento, Grigio Alpi e Pietra del Mare per pavimenti, rivestimenti ed arredo.
  • Odorizzi Porfidi, Non solo porfido ma ogni prodotto è proposto tenendo conto dei diversi canali distributivi, degli standard nelle diverse aree di mercato. 
  • Pi.Mar.Grazie ad un’esperienza di 150 anni, la Pi.Mar. è riuscita ad assecondare la creatività dei migliori architetti e progettisti di tutto il mondo, garantendo un materiale edilizio di primissima qualità.
  • Pibamarmi interpreta i valori della contemporaneità promuovendo una radicale innovazione del prodotto in pietra naturale che si sviluppa in stretta sinergia con la più alta cultura internazionale di architettura e di design
  • Regione Puglia intende presentare dei progetti di design, dedicati alle applicazioni delle pietre pugliesi alle superficie per interni ed esterni.
  • Stone Italiana nasce a Verona nel 1979 e oggi è una delle aziende più all’avanguardia nella produzione di quarzo e marmo ricomposto.
  • Testi Group e’ una azienda leader nel settore della pietra naturale, facente parte di uno dei maggiori gruppi italiani

10 architetti

Dulcis in fundo: la rosa degli architetti e designer adottati comprende professionisti di fama internazionale come Zaha Hadid  e Tobia Scarpa.

Nel 2011, a lato dell’evento, i designer e gli architetti adottati sono stati intervistati via video: i video sono stati poi raccolti e pubblicati sul canale Youtube di Marmomacc, con l’effetto di ritrovarsi quello che potremmo definire, senza voler togliere nulla all’originale, un TED focalizzato sulla sola architettura.

Nell’edizione del 2012 troverete:

Lascia un commento